NICOLAI KORMASHOV: "RIFLESSI ESTONI DALLA TERRA DI SETU" Matera 3 giugno - 6 luglio 2014

June 1, 2014

 

Nicolai Kormashov è considerato come uno dei più influenti pittori nell'Estonia della seconda metà del XX secolo. La sua carriera artistica è stata lunga e produttiva. Nacque nel 1929 in Russia, nell'antica terra ugro-finnica di Murom, studiò nella Scuola d'Arte di Ivanovo e nel 1951 venne in Estonia per continuare gli studi presso l'Accademia d'Arte. Negli anni '60 era tra i leaders di un gruppo innovativo di pittori chiamato "rough style", artisti socialmente molto attivi. Durante gli anni '70 il suo stile cambiò drasticamente, diventando più filosofico, confrontandosi con questioni etiche e problemi umanistici. Negli anni '80 egli concentrò la sua attenzione sul microcosmo della vita in campagna - una ideale simbiosi tra uomo e natura. Gli anni 90' furono dedicati principalmente ai temi della terra di Setu, mentre nei primi anni del duemila si rivolse nuovamente al quieto ed armonioso ciclo della vita familiare in campagna, questioni di unità, devozione e bellezza della vita.

 

 

A partire dagli inizi del 1960, Nicolai fu intensamente coinvolto dal mondo delle icone russe - collezionando, ricercando e restaurando. Questo interesse si sviluppò parallelamente al suo lavoro creativo, finendo per influenzare considerevolmente la sua produzione successiva. Visioni religiose sulla vita sono spesso riflesse nelle sue opere, tuttavia mai in modo diretto ma attraverso il filtro di una grande esperienza di vita, nascoste nelle cose semplici. 

 

 

 

Fanno parte di questa esposizione i lavori creati durante quattro decadi, tutti dedicati a paesaggi, oggetti e gente della terra di Setu, un piccolo territorio nel sud-est dell'Estonia, con le più antiche, ricche ed ancora vive tradizioni. Questa cultura è oggi divisa in due parti, circa metà del suo territorio si trova infatti dalla parte del territorio russo. 

 

Nicolai Kormashov diceva sempre che la terra di Setu, dove passò oltre 50 estati, era diventata parte della sua vita. "Materia di vita e materia di pittura sono inseparabili" egli sosteneva. Nei suoi lavori aspetto principale non è confrontarsi con la psicologia dell'uomo, egli ci racconta la storia del mondo, nella quale questo uomo vive. "Il mio approccio riguardo questo tema è culturale-etnografico. Nelle tradizioni di Setu ci sono ancora segni della eredità delle culture di Perm/Komi, che avevano il loro linguaggio scritto ufficialmente approvato nel XIV secolo. Il popolo di Setu potrebbe trasmettere segreti e tradizioni attraverso i secoli grazie alla loro intuizione. Queste tradizioni sono ancora presenti nei loro canti e riti" diceva Kormashov. Una sposa, per esempio, doveva conoscere oltre 1500 canti adatte a tutte le situazioni della vita, e doveva esser in grado di creare nuovi canti secondo le nuove situazioni che rendono sempre attuali le tradizioni. Le tradizioni di Setu sono estremamente ricche - i loro abiti e loro ricami sono particolarmente pieni di colori, nonché elaborati; i gioielli di argento sono eccezionali per quantità e varietà, la sposa deve indossare almeno due chili di argento; conoscenza e collegamento con la natura è incomparabile. Sono ufficialmente cristiani ortodossi da 500 anni e questa mescolanza di credenze pre-cristiane e di cristianità è realmente unica.

 

 

 

Reet Varblane, curatore della esibizione per la celebrazione degli 80 anni di Nicolai Kormashov, diceva: "I suoi dipinti ritraggono gente vera e posti veri. Il suo lavoro onora, fa apprezzare e rende visibile questo piccolo pezzo di terra e di popolo in un qualche modo abbandonato e in via di dissolvimento, in special modo dalla parte russa. Benché la gente di Setu di Kormashov indossa abiti locali, le sue scene non sono la esotica ammirazione degli inizi del 19° secolo, e neanche si tratta di un souvenir nazionale. Tutti i dettagli e i colori hanno un loro proprio sacro significato come nelle icone russe".

 

 

 

Qui possiamo vedere dipinti di piccole dimensioni, alcuni dipinti di getto, alcuni schizzi preparatori

per composizioni più grandi. Grandi dipinti di oltre 2 metri dell'artista formano una serie di ritratti della vita di Setu - uomini, donne, bambini, feste. Parte di questi dipinti sono stati acquistati da musei, ambasciate, parte da collezionisti privati, molti importanti lavori sono a Tallinn nella residenza di un uomo di affari italiano. Circa 20 dipinti hanno trovato la loro strada in Italia negli ultimi anni del 1990. 

 

Alcuni anni fa Nikolai Kormashov disse: "Il tempo che ci è dato da vivere è troppo corto per costruire un nuovo mondo, così è importante cercare bellezza in questo mondo, creato da Dio".

 

I lavori dell'artista trasmettono questa bellezza della vita, essendo pieni di armonia e di pace interiore.

 

Orest Kormashov

pittore

direttore dell'Istituto di Belle Arti, Università di Tallinn.

Please reload

Featured Posts

Estonian government updated the list of EU countries from where citizens can enter in Estonia without tow-week quarantine.